mercoledì 3 ottobre 2007

Cacchio, mi hanno fottuto la bici!

Se ce l'hai buona te la rubano, se ce l'hai lercia ti si rompe..

Prima o poi me l'aspettavo, c'ero già partito con l'idea che questa bellissima "Forever" non sarebbe durata PER SEMPRE.. però è dura da mandare giù!
In Cina specialmente, niente è per sempre.. tantomeno le bici. Quelle, o si rompono, oppure ti si rubano. Dipende da come ti va.
In genere la prima bici che ti compri quando arrivi in Cina è economica, giusto per provare il brivido di contrattare in cinese per acquistare un pò di ferraglia a 10 euro o più..
E quella è una bici che non funziona. Forse non è nemmeno una bici. Se proprio ti va bene, la fai durare dieci giorni. A me è durata una settimana. Ogni giorno dal mio caro XIU CHE (Ripara Biciclette) ad attendere le mezz'ore intere per tirare i freni, rimettere la catena, rimettere un pedale, rimettere quell'altro (il giorno dopo), rialzare la sella che si abbassa continuamente sotto il mio peso e pagare il pizzo al Made in China che non vale niente... 5 kuai (50 centesimi), 7 o pure 10 a volta. Dipende. Poi si arriva al passo successivo.

Scaduti i dieci giorni scopri che la tua bici nuova oltre a non funzionare per niente ha pure un pò di ruggine tanto da sembrare già vecchia.. E allora ti ricordi di essere occidentale e di avere (ancora) un potere d'acquisto di gran lunga superiore rispetto al cinese medio. Ripari per l'ultima volta il tuo catorcio e in un gesto di grande magnanimità la REGALI a Cameron, il tuo compagno di classe americano che, poverino, ha il dollaro debole rispetto all'Euro. Prendi la metro da Wudaokou fino a Zhichunlu, la stazione successiva, entri al Wal Mart e ne compri una fichissima per appena 36 euro. La mia era bella, bella sul serio, cacchio.

A differenza della totalità delle bici che si vedono in giro qui in Cina aveva una sella alta che ti faceva pedalare comodo (pensa!), aveva le marce, aveva freni che funzionavano pure, aveva un colore bellissimo. Si, era proprio bella, troppo. Me ne ero accorto subito, appena di ritorno al campus ho visto sùbito un sacco di facce invidiose che fissavano la LORO preda.. Loro, costretti a pedalare su dei catorci grigi che ti fanno cigolare le ginocchia per quanto stanno piegate e io, dall'alto della mia sella, comodamente seduto su qualcosa che tanto si avvicinava ad un mezzo di trasporto.. Non poteva durare.

Vabbè, là fuori qualcuno mi odia, l'unica seccatura è di dover perdere un altro pomeriggio al Wal Mart (si, credo che tornerò lì) a scegliere un'altra bicicletta.. Ormai ho capito, se non vorrò pagare il pizzo al Ripara-Biciclette dovrò trovare un ottimo compromesso: non troppo bella, non troppo comoda, non troppo funzionale... però nemmeno un catorcio! Non sarà facile come comprarne una bellissima con soli 36 euro.. vedremo.


In settimana pure Alan deve comprarne una nuova. Lui ha ancora la bici del primo tipo, quella economica, contrattata e comprata insieme a me sotto la stazione della metro. A lui è durata il tempo di due biciclette mie. Non è che sono pure un pò sfigato?


Foto: io e Alan cerchiamo di rimettere la catena alla mia prima bicicletta cinese, COMPRATA DA 5 MINUTI per 12 euro


Foto: io e la mia FOREVER. Sullo sfondo, le biciclette cinesi

Link:

questo è il video di uno che ha fatto come me. Esattamente come me. Walmart, Wudaokou. Forse l'hanno fottuta pure a lui la bici, ma non credo. Non è bellissima come la mia..

http://www.youtube.com/watch?v=RtTJRsVxR6U

1 Comment:

Marco said...

Sarà stato un avvertimento del governo dopo quello che hai scritto sul primo di ottobre!! ahaha

dài che devo andare pure io a comprarne una, se vuoi ci andiamo insieme!