domenica 30 settembre 2007

Cominciamo bene

24 agosto.. settembre, ottobre.. è passato un mese e mezzo da quando sono arrivato quà in Cina e un pò per pigrizia, un pò perchè onestamente quà, con i tanti impegni che ci sono, non ti ci scappa proprio il tempo di fare un cazzo, ancora non ho avuto l'occasione di fermarmi un attimo, guardarmi indietro, pensare e riflettere.
E' da un mese ormai che seguo le lezioni alla BLCU, la Beijing Language and Culture University, e mi trovo splendidamente in una classe internazionale motivata e stimolante. Non sono l'unico italano, ma per fortuna siamo solo in due.

Nella classe 512 (o così la chiamo io) oltre a noi italiani ci sono 2 americani, 2 inglesi, 3 giapponesi, 2 koeane, due turchi, un panamense, un francese della Reunion (cacchio, la Reunion!!! ma lo sapete dove sta?? Click!), uno svizzero, due kazaki e una russa.. L'ambiente è bello e stimolante, non solo nella classe ma anche fuori.. Proprio quello che mi ci voleva!

Sarà che qui studiare costa soldoni (anche se siamo nella comunistissima Cina), sarà che c'è gente che viene da lontano, sarà che è qualcosa che ti prende per un anno, ma ovunque vado vedo gente pazza, strana, ognuna con la sua storia assurda o interessante, ma tutti decisamente motivati a raggiungere il meglio.. BELLO!

Praticamente l'opposto a cui sono stato abituato per anni in Italia..
Vabbè.. lì la colpa si dà all'età, al fatto che se ti siedi al primo banco ti "etichettano" sùbito come "secchione sfigato"... però devo dire che anche dopo, ai tempi dell'università, non ho mai trovato quell'atmosfera, quella motivazione e quell'aria di sana competizione (se non in rari casi) che si respira qui!

Sono un pò in ritardo con la tabella di marcia, solo ora ho il tempo per fermarmi a scrivere e raccontare e mi rendo conto che in un mese ne sono successe di cose.. mi sono già abituato alla normalità delle lezioni in cinese, a respirare l'aria irrespirabile di una città pronta da un anno alle Olimpiadi, al caos di Wudaokou, di Beijing e della Cina..

Sarà che c'ero già stato due anni fà, tutto mi sembra normale, comune.. tutto ti dà quel senso di casa che però casa non è!
Perchè casa è altrove e non quà e la si cerca ogni tanto, in una chiamata su Skype, in un'email carina che ti rincuora e ti fa sorridere mentre cancelli lo spamming, in un piatto di pasta che cucini e mangi con le bacchettine a casa di Rose, la mia compagna di classe!

E' koreana, sposata da un paio di anni, vive a Beijing con il marito (koreano) a causa del lavoro di lui e non ha assolutamente intenzione di tornare a Seoul, tanto si trova bene qui! La vita costa poco, la casa che gli viene fornita dalla società del marito è splendida e splendido è il quartiere in cui si trova. Perchè tornarsene in Korea quando qui si può ancora respirare quell'OTTIMISMO che manca altrove?

Non si tratta di fare la cosa giusta o sbagliata, non esiste una risposta giusta o sbagliata. Per quel che mi riguarda penso che nemmeno io avrei problemi a vivere in un Paese decisamente eccitante, dove ogni giorno ricevi quell'iniezione di ottimismo che non ha vissuto la mia generazione.. Mi piace semplicemente riflettere su questi input, realizzare cosa è la Cina oggi, cosa c'è di buono e di non buono in tutto ciò che la sta sconvolgendo in questi anni e convincermi, in tutto questo progresso, che non è tutto oro quel che luccica...
Zaijian

2 Comments:

PAZZ said...

CENTIONI SOSTENITORE DEL TOTALITARISMO....

CENSURARE I MIEI MESSAGGI è UN ATTO CHE LEDE I DIRITTI DELL' UOMO

michele said...

Scusa tanto ma questa prima prova di democrazia proprio non mi è piaciuta..

e comunque non li posso cancellare i commenti.. ho dovuto smanettare un bel pò per oscurare i tuoi messaggi!!

comunque.. buone notizie!! sarà che è il primo di Ottobre, sarà che la Cina non è più quel mostro cattivo di cui tutti dicono (ma anche si) ma ho felicemente constatato che da qualche giorno BLOGSPOT si vede anche qui!

Vabbè...ora vado a Tiananmen per festeggiare i 58 anni di questa dittatura!!


Zaijian!!