domenica 28 ottobre 2007

Aulin?

Sabato sera.. Cheeeeeeers!

Kebab a pranzo preparato dai miei cari amici di scuola turchi, pomeriggio speso a cazzeggiare con discorsi a vanvera e qualche trucchetto per aggirare la censura di internet, giro in centro, cena in un ottimo ristorante arabo di Sanlitun deliziata da intrattenimenti vari poi, in culo alla pioggia (statale, si riconosce!), ci intrufoliamo in un club in cui ormai siamo di casa..



... e dentro c'erano i Tribesmen! Altro che la festa di Aulin!

Per chi non lo sapesse questo è un gruppo dello Xinjiang, la provincia più grande (e meno popolata) della Cina a maggioranza musulmana.. Hanno il passaporto cinese ma a guardarli bene, cinesi cinesi non sembrano proprio, anzi! Sembrano piuttosto turchi, spagnoli, greci o - perchè no - italiani!

É da qualche anno che riempiono la scena musicale di Pechino e in città ormai tutti li conoscono. Io me li ricordavo due anni fa al Lush (Wudaokou), dove suonavano ogni martedi sera e puntualmente facevano il pienone.
E tra le varie sonorità turkmene, i Tribesmen amano mescolare pezzi di musica latina, flamenco e gipsy.. "mescolare" è una parola che non rende, a sentire bene le loro canzoni ci si rende conto che l'unica cosa che cambia veramente sono solo le parole: in fondo veniamo tutti dalla stessa cultura mediterranea, no?
Ancora lì a chiedervi perchè quelli dello Xinjiang si sbattono tanto a volere l'indipendenza?

Onore a quanti hanno snobbato una festa che non ci appartiene per preferire qualcosa di più comune a buona parte del genere umano!

E ricordate:
"SEVERELY BLOW TO THE DRUG RELATED CIMES" (clic per ingrandire)


(e occhio che con gli avvertimenti "scritta bianca su fondo rosso" non si scherza!)

Foto: Sanlitun, sabato notte. Esterno del Tongli Studio. Fuori c'è uno striscione rosso che ancora stento a decifrare. Dentro c'è il Cheers!

5 Comments:

stefano said...

grandeeeee!!!!
bellissimo!!!!
quanti ricordi mi regali!!!!
un abbraccio!!!!

Fawakka Ely said...

E' davvero bello il tuo blog, mi permetti di vivere insieme a te una realtà che ormai non ci è più così lontana!!
Non so se ce la farei mai ad andare per un periodo in cina, ma in caso cambiassi isea, so che potrò contare sulle tue indicazioni :)

Buona fortuna per tutto!
Elysa

michele said...

stefano?. .... mmm
ora che mi ci fai pensare mi ricordi di dover mettere sul sito il link di uno che di Cina e di BLCU ne sa molto più di me ...

ciao Stè!

michele said...

p.s. per chi vuole farsi un'idea della Cina e dello studiare in Cina (anche per Elysa):

Unitalianoincina

ciao!

michele said...

p.s.
piccola informazione mancante..

La Regione Autonoma ("Autonoma" a parole) dello Xinjiang è l'unica rilevante dal punto di vista delle risorse petrolifere nel territorio nazionale cinese.
Ora il cerchio si chiude!

zaijian!